IL M5S SCARICA I RIBELLI E PER IL BENE DEI CITTADINI RIPARTONO GLI INCONTRI IN VIA MURA F. COMANDINI.

 

216974_207830862575521_100000458270664_744113_3743433_n

 

Come facciamo dal 2009 il Movimento 5 stelle cesenate continua l’azione politica tenuta in questi anni. Un’opposizione costruttiva al governo della città, non faziosa ma meditata, onesta e di buon senso. Non ci siamo mai astenuti e mai ci asterremo dallo svolgere l’attività politica per la quale siamo nati.
Dopo una breve pausa di riflessione necessaria per tentare in tutti i modi di ricomporre una frattura con alcuni attivisti ribelli che fanno capo alla neo consigliera Ceccaroni, subentrata a Max Iacovella, che hanno abbandonato i lavori del gruppo storico, siamo di nuovo attivi per affrontare le amministrative 2019.
Ora, dopo molti tentativi e nessuna proposta ricevuta, la casa del movimento riapre per accogliere tutti quelli che condividono le nostre idee, e sono molti, nella campagna elettorale e nell’attività politica quotidiana nella continuità rispetto a quanto fatto sino ad ora. Continueremo infatti ad incontrare i gruppi locali, le liste civiche, i comitati perfezionando il nostro progetto elettorale per portare il Movimento 5 stelle a governare anche a Cesena.
Siamo molto dispiaciuti che la consigliera Ceccaroni (mal consigliata da ex attivisti frustrati e rancorosi) eletta coi voti di inconsapevoli cittadini, col suo operato vada contro al programma con cui è stata eletta e che condivida in consiglio comunale molta della politica di Lucchi anche su aspetti veramente divergenti dal M5S.
Non possiamo sostenere le scelte di chi si pone in aperto contrasto, calpestando i valori che ci contraddistinguo ed ha organizzato cordate e scalate interne tipiche dei partiti che combattiamo. Rivendichiamo la distanza da questi atteggiamenti che non ci rappresentano.
Siamo coscienti che questa divisione potrebbe portare alla scomparsa del Movimento a Cesena e pertanto siamo ancora disposti al dialogo e dichiariamo ancora una volta la nostra massima disponibilità alla riappacificazione.

600_357742572
Intanto riteniamo di dovere continuare a fare la nostra parte, per questi motivi in questi giorni ci siamo adoperati per avere ancora la disponibilità della sede , renderla di nuovo operativa e continuare la messa a punto del programma.

 

 

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

MOVIMENTO 5 STELLE: Facciamo chiarezza.

caso-gessi

Facciamo chiarezza.

Quanto dichiarato dall’amministrazione e riportato in questo articolo è falso: le opposizioni non hanno mai chiesto di dare indicazioni sul caso.
La commissione fu chiesta dai consiglieri PD Ceccaroni, Magnani, Rossi, Moretti e Castellucci pochi giorni dopo l’avvio del nuovo procedimento di risarcimento avviato dalla società che gestiva il ristorante i Gessi attraverso una richiesta formale indirizzata alla presidenza della 5a commissione. Richiesta che in qualità di Presidente ho accolto a termini di regolamento e convocata il 18 luglio.
Durante la seduta la giunta, per voce del Vice sindaco Battistini, ha dichiarato che avrebbe seguito le indicazioni delle minoranze qualora ve ne fossero state, consegnando ai presenti il ricorso presentato dal privato.
Nessun gruppo di opposizione era presente alla seduta. C’ero solo io che presiedevo l’audizione.
A conclusione della seduta, durata circa 40 minuti in tutto, mi ero resa disponibile a riconvocare una nuova commissione qualora le opposizioni ne chiedessero udienza dopo la lettura del ricorso appena consegnato, ma nei giorni successivi nessuno mi ha manifestato questa intenzione. Neppure il PD.
L’opposizione sul tema tace per scelta. Facile regalare ad altri le chiavi della stalla quando i buoi sono scappati.
La vicenda dei Gessi è stata rovinosa per l’amministrazione grazie alle scelte pazzesche e insensate da loro compiute. Ora si cerca di tirare nel baratro anche le minoranze in un delirio incomprensibile di arroganza e cecità. Minoranze che giustamente, non essendo state rese parte della partita per tutta la durata del processo che ha portato al primo risarcimento, ora stanno alla finestra.

Natascia Guiduzzi
Capogruppo M5S Cesena

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

MAFIA:COSA NOSTRA!!!!

13-gennaio-2017-001

Nel ricordo  delle stragi di Capaci e Via D’Amelio, in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e le rispettive scorte, il Movimento 5 Stelle di Cesena oggi organizza una serata-evento con Pino Masciari, l’AVV. Roberto Catani e la Parlamentare Giulia Sarti commissione antimafia.
Quanto sappiamo della cosiddetta “trattativa” Stato-Mafia? Chi sono i protagonisti tra, Istituzioni, parlamento, regioni, comuni e criminalità organizzata?
Lo spettacolo è un’occasione per ricordare che la mafia esiste ed’è tra noi. Un appuntamento da non perdere per chi crede nel valore dell’informazione, della consapevolezza e della denuncia civile come ultimi presidi di legalità e giustizia.

Partecipate e PASSATE PAROLA!

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Sapro: da strumento al servizio dell’economia del territorio a strumento al servizio di pochi in danno della collettività.

sapro-250

La giustizia penale sta facendo, seppur lentamente, il suo corso. I disonesti saranno puniti così come chi non ha vigilato mentre avrebbe dovuto. Il caso del malaffare locale più importante, che ha visto intrecciati loschi affari tra pubblico e privato, grazie al gran lavoro d’indagine della Guardia di Finanza , ha visto ieri il suo epilogo con la sentenza di primo grado. 3 anni e mezzo di carcere inflitti al direttore generale e pene di 2 anni ad altri membri del CDA oltre all’interdizione di 10 anni all’esercizio di attività commerciali e a ricoprire ruoli direttivi presso qualsiasi impresa.

Una sentenza pesante che cade come un macigno sulla gestione allegra della società minimizzata più volte in varie sedi istituzionali (commissioni e consigli) dagli amministratori cesenati che erano proprietari della Società partecipata SAPRO.
Nell’attesa che vengano rese pubbliche le motivazioni il M5S di Cesena esprime comunque 2 ulteriori preoccupazioni in merito dalla vicenda:
La prima. In relazione all’enorme debito bancario, circa 80 mln di euro, che grava sulla società fallita come e quanto garantisce il Comune di Cesena ? Quali saranno , nei prossimi anni le implicazioni di questa vicenda sui bilanci comunali ? Quanto grava e graverà questo debito sul sistema bancario locale? A parer nostro occorrono da parte dell’amministrazione approfonditi e esaurienti chiarimenti che non tarderemo a richiedere nelle opportune sedi.
La seconda. Richiederemo poi ulteriori spiegazioni sul perché l’amministrazione si sia astenuta dall’effettuare qualunque tipo di controllo a tutela dell’ente, arrivando addirittura a portare in consiglio comunale, nel pieno della crisi fallimentare di SAPRO, una delibera che proponeva di ricapitalizzare la società per 1 milione di euro. Ci chiediamo inoltre perchè il Sindaco Lucchi abbia nominato un avvocato di parte per seguire il processo ma si sia rifiutato di costituirsi parte civile (scelta tra l’altro rivendicata ieri in un comunicato scandaloso e delirante) al fine di recuperare i capitali investiti.
In tutta questa vicenda, che come approccio assomiglia molto alla vicenda dei Gessi, par quasi che l’amministrazione comunale abbia deliberatamente voltato lo sguardo da un’altra parte.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

LA POLITICA DEL M5S

17.880 volte grazie!
Il M5S di Cesena ringrazia tutti coloro i quali hanno espresso la loro fiducia nei confronti dei nostri candidati e del nostro capolista, il Dott. Sergio Culiersi , consentendoci di raggiungere un risultato che consideriamo eccezionale e che rimarrà nella storia della Romagna.
L’aver superato la barriera del 30% ed esserci accreditati come primo partito a Cesena, significa che tantissimi elettori hanno apprezzato e condiviso il nostro progetto politico e le nostre battaglie per la crescita della nostra città.
Questo risultato ha un valore ancor più straordinario se si considera che l’abbiamo raggiunto da soli.
Da oggi in poi, parte un grande obiettivo: prepararsi e andare al governo della città di CESENA. La nostra campagna elettorale per le amministrative 2019 parte oggi.
Grazie a tutti!
PS
Il M5S vi aspetta stasera lunedì 5 marzo alle ore 20 nella sua sede di Via Mura Federico Comandini 22 per festeggiare questo risultato storico. Siete tutti invitati.

ringraziamento-agli-elettori

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

IL MOVIMENTO 5 STELLE DI CESENA SCALDA I MOTORI, PRONTO A GOVERNARE.

img-20171227-wa0013Siamo giunti al termine del 2017 che, come ogni anno, desideriamo concludere con un bilancio complessivo del nostro operato e condividerne ogni singola parte con tutti voi.

Durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina, tra le mura della nostra sede, è emerso l’entusiasmo con cui i nostri portavoce ed esperti hanno raccontato l’intenso lavoro che li ha impegnati in Consiglio Comunale e nelle 5 Commissioni Consiliari durante questo 2017.

Come ha illustrato la capogruppo Natascia Guiduzzi, l’indubbia crescita politica del nostro Movimento qui a Cesena, dentro e fuori Palazzo Albornoz, è la degna conclusione di quell’intenso lavoro nel 2017 e il punto di partenza del 2018: i nostri sforzi ci hanno consentito di affermarci come la principale opposizione politica al Partito Democratico e ci siamo strutturati per divenire la sua valida alternativa, mantenendo sempre l’attenzione verso i cittadini, il futuro, verso il programma politico che sarà proposto nei prossimi mesi. Un impegno che ci vede crescere costantemente, affermandoci come la seconda forza politica sul territorio comunale.

La parola è passata poi a Claudio Capponcini che ha fatto un lungo riassunto dei principali argomenti di cui ci siamo occupati quest’anno. A gennaio l’anno era iniziato col M5S fuori dal Consiglio, ritirato “sull’aventino” in opposizione alla politica autoritaria del PD che aveva visto la sua massima espressione nell’affare Dionigi. Un “aventino” concluso dopo le dimissioni dell’assessore e con la conquista dell’istituzione della Commissione di Controllo e Garanzia. Capponcini si è lungamente soffermato a parlare della nostra posizione sull’ospedale, dove abbiamo sempre chiesto al Sindaco di puntualizzare con dati certi gli annunci. Per il nuovo ospedale abbiamo proposto la nascita di un policlino univeristario, in contrapposizione alla politica puramente edile del PD.

Il 2017 è stato anche un anno di cambiamenti per il Movimento di Cesena come testimonia Claudia Ceccaroni, nuova portavoce, subentrata da poco che si è presentata. Claudia ha detto che sarà suo compito portare nelle istituzioni la voce dei cittadini, la lotta al gioco d’azzardo, alle attività che chiudono e ai giovani che lasciano la nostra città e il nostro paese.

Ed è arrivato, infine, il turno del nostro coordinatore, Luigi Maccariello, il quale ha riassunto le attività e i successi che hanno caratterizzato il forte slancio socio-politico del gruppo degli attivisti senza dimenticare le proposte per il futuro. Il 27 gennaio 2017 prenderà il via a Cesena “la scuola Rousseau”. La piattaforma online del M5S lascia il mondo virtuale per tramutarsi in una scuola di politica reale, aperta agli attivisti e ai simpatizzanti.
Con lo stesso ottimismo che ha contraddistinto il 2017, non possiamo che augurarvi ed augurarci un 2018 ancora più produttivo e soddisfacente e che sia l’anno di preparazione per l’instaurazione di una nuova, efficiente, onesta e trasparente amministrazione 5 stelle: L’amministrazione che Cesena merita.
M5S

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Sopralluogo ai Gessi: sentenza sotto esame.

Dopo la quantificazione del danno, la questione Gessi è tornata oggetto della 5ª commissione, capitanata dal Movimento 5 stelle.

gessi

Ieri la cronaca, oggi i contenuti politici della vicenda “i Gessi”.
Sulla vicenda del Ristorante “I Gessi” si è scritto e detto moltissimo. I giornalisti cesenati hanno versato fiumi di inchiostro, la Commissione di Garanzia e Controllo ha ascoltato vecchi e nuovi amministratori, i dirigenti, i tecnici, i consiglieri comunali, ma il vero unico protagonista di tutta la vicenda è stato lui: Paolo Lucchi! O meglio, il Partito Democratico, che comunque a Cesena è incarnato in una unica persona: il Sindaco.
In questi anni abbiamo assistito e non lo nascondiamo, con estremo e sincero imbarazzo, allo “spettacolo” di un Sindaco che ha sempre creduto di essere al di sopra delle parti, arrogandosi il diritto di contravvenire a quanto stabilito all’interno di una convenzione con un privato, di fatto penalizzandolo e senza lasciargli altra via d’uscita se non quella della chiusura dell’esercizio, il licenziamento di 11 dipendenti e un buco economico finanziario da colmare nel peggior periodo della storia economica italiana. Tutto questo senza un ripensamento, una riflessione. Senza che fosse dato sapere quale fosse il ragionamento che c’era dietro questo agire incomprensibile.
Un po’ com’ è successo per Piazza della Libertà.
Ma con la vicenda Gessi, si è andati oltre. Si è atteso che 3 giudici in altrettanti gradi di giudizio affermassero il torto subito dal privato cittadino. Il comune, guidato sempre da lui, Paolo Lucchi, ha nel frattempo distrutto e lasciato all’incuria il proprio bene con quale obbiettivo non ci è dato di saperlo, né ci è dato sapere il perché di una tale scellerata condotta.
A questo punto la città si ritrova dopo circa dieci anni, nella stessa condizione dalla quale si è partiti. Abbiamo un rudere da riqualificare e funzionalizzare e per averlo oggi in queste condizioni abbiamo speso 1.280.000 euro oltre ai costi impliciti, distrutto un’impresa, buttato in mezzo ad una strada 11 lavoratori, litigato per 8 anni e purtroppo né la contesa né i costi si fermeranno qui .
Questa si che è buona amministrazione!
EPILOGO
A metà del colle Celincordia l’immobile guarda la città ed è visto da tutti, con le sue pareti distrutte, le finestre e le porte da rifare, con gli intonaci e i rivestimenti che non reggono ma soprattutto col buio e il silenzio che regnano all’interno. Ogni giorno che passa, diviene sempre più, l’incarnaziome, il simbolo decadente di ciò che è rimasto di questa amministrazione.

frase

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Loro non molleranno mai… noi neppure!