3 dipendenti del Comune di Cesena rinviati a giudizio per abuso d’ufficio. Secondo te cosa deve fare il Sindaco? Rispondi al sondaggio

E’ di pochi giorni fa la notizia, data dal Resto del Carlino ed altri quotidiani, che 3 dipendenti del Comune di Cesena sono stati rinviati a giudizio per abuso d’ufficio. L’accusa è di presunti abusi edilizi per la ristrutturazione e l’ampliamento del complesso del Sacro Cuore.

Si tratta di: Il dirigente del settore Sviluppo produttivo e residenziale, Emanuela Antoniacci, il funzionario del servizio tecnico dello Sportello Unico Cinzia Brighi e il dirigente del settore Risorse patrimoniali Gabriele Gualdi.

I reati contestati sono abuso d’ufficio e per la Dirigente Antoniacci anche l’omessa denuncia di un reato all’autorità giudiziaria in quanto non inoltrò alla procura la segnalazione di irregolarità che le era pervenuta dopo un sopralluogo effettuato da tecnici del suo ufficio.

La prima udienza si terrà il 12 novembre prossimo. (Fonte Resto del Carlino di  sabato 12 maggio.)

Alla luce di questi fatti il Movimento 5 stelle di Cesena si è chiesto se il Sindaco Lucchi dovrebbe o meno prendere dei provvedimenti verso i dipendenti pubblici e ha deciso di rivolgere la domanda ai cittadini di Cesena.

Rispondi al sondaggio!

Secondo te il Sindaco di Cesena quali azioni dovrebbe intraprendere verso i 3 dirigenti rinviati a giudizio per abuso d'ufficio?

  • Dovrebbe chiedere immediatamente le dimissioni (15%, 74 Votes)
  • Dovrebbe sospenderli dal lavoro fino alla fine del processo (39%, 195 Votes)
  • Dovrebbe rimuoverli dall'incarico ed affidarli ad altra mansione, in attesa del processo (30%, 149 Votes)
  • Nessuna azione, fino alla fine del processo sono innocenti (16%, 81 Votes)

Total Voters: 499

Loading ... Loading ...

Il Sondaggio rimarrà aperto per 10 giorni e a seguito delle risposte che perverranno, il consigliere del Movimento 5 stelle Natascia Guiduzzi si farà portavoce dei cittadini e scriverà al Sindaco per  chiedergli di applicare il provvedimento che i cittadini avranno deciso.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Terremoto in Emilia-Romagna: Conto Corrente di solidarietà, garantiamo noi!

IBAN: IT 76 N 02008 02460 000102085251

Il Movimento 5 Stelle è vicino alle vittime del sisma che ha colpito l’Emilia-Romagna, ed in particolare le province di Modena, Ferrara e Bologna.
Siamo solidali con la popolazione, e vogliamo dare una mano concreta per la prima emergenza e la ricostruzione: per questo abbiamo aperto un conto corrente sul quale chiunque lo desideri potrà versare una cifra, anche simbolica, a sostegno della popolazione afflitta dal terremoto. L’IBAN del conto è IT 76 N 02008 02460 000102085251. Garantiremo la massima trasparenza e forniremo ogni informazione utile per determinare gli interventi dasostenere. Chiederemo ai cittadini come ritengano sia meglio investirli, per le esigenze della popolazione, garantendo che saremo molto attenti che non vengano sprecati.
Il Movimento 5 Stelle invita tutti i cittadini a versare sul CC (IBAN: IT 76 N 02008 02460 000102085251). Per donazioni dall’Estero il BIC: UNCRITM1NT6.

Indicare “Movimento 5 Stelle-Beppegrillo.it Emilia-Romagna” nel beneficiario e “Aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto in Emilia-Romagna” come causale. GRAZIE!

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Riunione MoVimento 5 Stelle Cesena

Il Movimento 5 stelle si propone come forza politica che fa della partecipazione la sua arma di “battaglia”. La decadenza politica di questi anni ci ha insegnato che non possiamo più delegare un politico ad amministrare al nostro posto, ma dobbiamo essere noi cittadini a rimboccarci le maniche ed occuparci della “cosa pubblica”.

A Cesena il Movimento 5 stelle è presente all’interno del Consiglio Comunale dal 2009. vieni alle nostre riunioni e metti a disposizione le tue competenze!

 

Mercoledì 23 maggio alle 20.45
si terrà una

Assemblea Pubblica
Movimento 5 stelle di Cesena
a cui puoi partecipare.

Ci vediamo mercoledì 23 maggio alle 20.45 sotto i portici del Comune di Cesena in P.zza del Popolo 10.

Non mancare!

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Gli enti locali ostaggio di Hera.

Martedì 15 maggio il nostro Sindaco Balzani e l’assessore Bellini hanno ritenuto opportuno recarsi a Parma per dare supporto alla
campagna elettorale del candidato del PD che andrà al ballottaggio con il candidato del Movimento 5 Stelle, Federico Pizzarotti. Fino a qui nulla di male, anche noi abbiamo fatto lo stesso per Pizzarotti. Ma mentre le ragazze e i ragazzi del Movimento 5 Stelle di Parma portano avanti le nostre stesse idee, soprattutto per quanto concerne la lotta contro l’inceneritore e la volontà di arrivare alla sua chiusura, non siamo sicuri che si possa dire lo stesso per il PD dei due comuni
emiliano-romagnoli.Il candidato del PD Bernazzoli è favorevole all’inceneritore e il PD parmense ha teorie che eufemisticamente potremmo definire discutibili, quando non addirittura fasulle per quanto riguarda le emissioni degli
inceneritori.

In effetti  i rappresentanti del PD a Parma dicono, come dissero nella passata legislatura qua a Forlì i loro omologhi locali,  che l’aria in entrata nell’inceneritore è più sporca rispetto a quella in uscita per quanto riguarda polveri e diossine.

Ovviamente questa affermazione è smentita da uno studio di Marco Caldiroli di Medicina Democratica supportato da dati forniti dalla EPA Americana e dall’ANPA italiana (Agenzie per la protezione ambientale americana e italiana) in cui si evince che per produrre polveri quante ne produce un inceneritore come il nostro e come quello previsto a Parma servono 21 mila automobili equivalenti anno (euro 3 in ciclo continuo percorrenti 10 mila chilometri all’anno) e per produrre le diossine che escono dai camini dei suddetti inceneritori ne servono 71 milioni. Ben 71 milioni! Da solo un inceneritore produce diossina quanta ne producono 71 milioni di auto.

E’ ora che qualcuno smetta di dire eresie e che qualcun altro provi imbarazzo per l’incoerenza inaudita nell’appoggiare chi supporta certi argomentazioni campate per aria.

Parlano di ineluttabilità dell’inceneritore perché altrimenti si deve mandare in discarica. Ovviamente i “giovani innovatori del PD” non informano correttamente la cittadinanza perché non dicono due cose importanti. Se dopo il Porta a Porta si inserisce un impianto di separazione e lavorazione come quello di Vedelago avremmo un 3-5% di residuo indifferenziato. Se invece usiamo l’inceneritore abbiamo un 30% di scorie tossiche da mettere in discarica.

Quali dei due sistemi porta al disuso delle discariche?

A Forlì c’è il Porta a Porta e avremmo gli strumenti e la forza per togliere il terreno da sotto i piedi a Hera, ma non lo facciamo. Perché? Perché a questa amministrazione e al nostro Sindaco mancano e il coraggio e la volontà politica di portare avanti le proprie idee.

Forse è per questo che i nostri amministratori, i quali dicono di perseguire il fine della riduzione dell’incenerimento, possono stare a
fianco di chi fa affermazioni favorevoli agli impianti di incenerimento e ne possono sostenere la candidatura.

Forse Balzani fa questo perchè si sente solo. Vorremmo allora rassicurarlo dicendogli che se lavorerà per chiudere l’inceneritore di
Forlì e per aiutare le imprese locali del territorio nella realizzazione di un grande centro per il riciclo e per la produzione di materie prime seconde non dovrà sentirsi più così solo. Ci sarà tanta gente che lavorerà assieme, unita, per il raggiungimento del benessere dei cittadini e del territorio.

O forse potremmo trovare la spiegazione di questa incapacità nell’atteggiamento doppio di alcuni sindaci del nostro territorio, e su tutti indichiamo proprio Balzani e Lucchi di Cesena, che a parole si sprecano in documenti in cui ribadiscono la loro volontà di ridurre
i compensi degli amministratori di Hera (su tutti il Presidente Tomaso Tommasi di Vignano che percepisce fra compensi fissi e bonus la cifra di circa 476 mila euro all’anno, cioè 1.300 euro al giorno) mentre nei fatti fanno tutt’altro.

Il 18 aprile Lucchi comunica al Consiglio Comunale cesenate questa sua “forte” volontà, il 27 aprile va in assemblea ordinaria e vota le
politiche di remunerazione e assieme a molti altri, fra cui i nostro sindaco Balzani e il nostro Direttore Generale Caristia, vota a favore
delle politiche di remunerazione. Si rimangia tutto, ma quello che è più scandaloso ed inaccettabile è quanto succede dopo.

Il 10 maggio esce un comunicato in cui Balzani e Lucchi affermano di impegnarsi per ridurre le remunerazioni degli amministratori di Hera con le quali non sono d’accordo perchè ritengono giusto che vengano ridotti gli emolumenti, visto il periodo particolare.
Ma hanno appena votato per le remunerazioni del prossimo anno, e a favore.

Ci si chiede se ci prendono per fessi o peggio. Se non avessero per qualche motivo imperscrutabile potuto votare contro, visto che Hera ha una struttura che mette il bavaglio ai sindaci, almeno avrebbero potuto avere la decenza di uscire e di non votare.

Da noi quest’ anno non si vota, ma le elezioni si avvicinano e poi non ci si deve lamentare che “qualcuno ruba i voti al PD”: il PD è
bravissimo da solo a far scomparire i “suoi” voti, o meglio, a incenerirli.


Raffaella Pirini
Consigliere Comunale
DestinAzione Forlì

Natascia Guiduzzi
Consigliere Comunale
Cesena 5stelle
Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Riunione Movimento 5 stelle Cesena

Il Movimento 5 stelle si propone come forza politica che fa della partecipazione la sua arma di “battaglia”. La decadenza politica di questi anni ci ha insegnato che non possiamo più delegare un politico ad amministrare al nostro posto, ma dobbiamo essere noi cittadini a rimboccarci le maniche ed occuparci della “cosa pubblica”.

A Cesena il Movimento 5 stelle è presente all’interno del Consiglio Comunale dal 2009. vieni alle nostre riunioni e metti a disposizione le tue competenze!

Mercoledì 16 maggio alle 20.45
si terrà una

Assemblea Pubblica
Movimento 5 stelle di Cesena
a cui puoi partecipare.

Ci vediamo mercoledì 16 maggio alle 20.45 sotto i portici del Comune di Cesena in P.zza del Popolo 10.

Non mancare!

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Riunione pubblica Movimento 5 stelle Cesena

Il Movimento 5 stelle si propone come forza politica che fa della partecipazione la sua arma di “battaglia”. La decadenza politica di questi anni ci ha insegnato che non possiamo più delegare un politico ad amministrare al nostro posto, ma dobbiamo essere noi cittadini a rimboccarci le maniche ed occuparci della “cosa pubblica”.

A Cesena il Movimento 5 stelle è presente all’interno del Consiglio Comunale dal 2009. vieni alle nostre riunioni e metti a disposizione le tue competenze!

 

Mercoledì 9 maggio alle 20.45

si terrà una

Assemblea Pubblica

Movimento 5 stelle di Cesena

a cui puoi partecipare.

Pensi che in città ci siano problemi che vanno affrontati? Vieni a parlarcene!

Vuoi far qualcosa per il tuo territorio? Vieni e partecipa alla vita politica della città!

Hai qualche competenza? Vieni e mettiti a disposizione!

Ci vediamo mercoledì 9 maggio alle 20.45 sotto i portici del Comune di Cesena in P.zza del Popolo 10.

Non mancare!

A margine della riunione si affronterà il seguente OdG:

  1. Consiglio Comunale del 10 maggio
  2. Banchetti/distribuzione giornalino
  3. Concessioni demaniali marittime
  4. Varie
Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Paolo Lucchi vs Hera: finzione o realtà?

Il 18 aprile il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi mandava alla stampa la notizia di una sua lettera indirizzata ai veritici di Hera, in particolare al Presidente Tommaso Tommasi di Vignago e all’amministratore delegato Maurizio Chiarini (reperibile a questo link: http://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/cronaca/2012/04/18/699070-lettera-sindaco-lucchi-diminuzione-stipendi-dirigenti-hera-cesena.shtml) nella quale “considerando il clima di crisi del Paese e le indicazioni del Governo, lo invita a proporre al consiglio d’amministrazione la diminuzione dei compensi degli amministratori”. Ricordiamo ai lettori che il Presidente di Hera hanno percepito nel 2011 uno stipendio di 475.000 euro e l’amministratore delegato Maurizio Chiarini di 518.000. (Remunerazione del CDA, documento pubblico). Il compenso dei Consiglieri invece di aggira mediamente sugli 80.000 euro. Compensi che spesso si vanno ad aggiungere ad altri compensi, perchè, almeno nei casi dei consiglieri, gli stessi ricoprono più incarichi in società diverse, società spesso in conflitto di interessi le une con le altre. La richiesta della riduzione di stipendio è più che condivisibile anche alla luce della forte crisi economica e sociale che la nostra città si trova ad avere, ed anche alla luce dei frequenti e continui aumenti delle bollette sui servizi che fanno capo alla Società partecipata. E’ palese che il consiglio di Amministrazione di Hera vada profondamente riformato e chiedere la diminuzione degli stipendi dei vertici Hera ci sembra un buon inizio.

Il 27 Aprile si è tenuta l’assemblea Ordinaria del gruppo con all’ordine del giorno la “deliberazione in merito alla politica di remunerazione”, purtroppo sul sito di Hera non è possibile accedere al Rendiconto Sintetico delle votazioni e quindi non è possibile sapere se le buone intenzioni del nostro sindaco si siano poi tradotte in atti concreti. Siamo pertanto a chiedere, e lo facciamo a mezzo stampa in quanto pensiamo che questi siano argomenti di interesse generale, se Paolo Lucchi a nome della città di Cesena, ha chiesto la diminuzione degli stipendi d’oro dei vertici Hera e se questo si è poi tradotto in qualche deliberazione esecutiva.

Sarebbe auspicabile che il Sindaco in futuro relazionasse alla città sull’esito di queste assemblee in segno di rispetto ai suoi cittadini e in nome della trasparenza che tanto si vanta di avere.

* Aggiornamento: la notizia data dal Resto del Carlino non è stata mandata alla stampa dal Sindaco ma frutto del lavoro di indagine del giornalista Paolo Morelli. Ci scusiamo con lui per l’errore.

 

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)