IL SINDACO E IL PD DI CESENA SONO INSAZIABILI: DOPO IMU, TASSA DI SOGGIORNO E TARES ORA ARRIVA ANCHE ICARUS PER PRENDERCI ALTRI SOLDI E FAR FRANARE L’ECONOMIA CITTADINA

ICARUS (Impianto Controllo Accessi per la Rigenerazione Urbana e la Sicurezza) è un sistema di telecamere disposte in corrispondenza degli accessi al Centro Storico di Cesena, installato e da poco entrato in funzione. Per il MoVimento 5 Stelle questa notizia dovrebbe essere motivo di gioia, come un risultato raggiunto, perchè l’ambiente e l’inquinamento, sono punti fondamentali del nostro programma, una delle nostre famose STELLE.
Purtroppo non è così. Per il MoVimento 5 Stelle Cesena, il Centro Storico è il cuore della Città e questo sistema di accesso controllato dalle telecamere potrebbe dare all’economia delle attività dentro le mura, già duramente provate in questi anni, il colpo di grazia. Questo non significa che ci debba essere libero accesso alla ZTL; le regole ci sono e i cittadini devono rispettarle, ma cosa ne sarà dei “clienti del centro storico” dopo che avranno pagato le multe di ICARUS? L’attenzione ossessiva alle maggiori entrate ottenute grazie alle multe, mal si concilia con le reali necessità economiche e sociali del Centro Città.

Non possiamo che condividere le preoccupazione di Confesercenti e molte altre associazioni, in un periodo di grave crisi economica: ICARUS non può e non deve tradursi in un ostacolo ulteriore per chi arriva in città e si avvicina al Centro Storico con il rischio di una multa Continua la lettura di IL SINDACO E IL PD DI CESENA SONO INSAZIABILI: DOPO IMU, TASSA DI SOGGIORNO E TARES ORA ARRIVA ANCHE ICARUS PER PRENDERCI ALTRI SOLDI E FAR FRANARE L’ECONOMIA CITTADINA

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Il Sindaco multato per i cartelli contro il Patto di Stabilità

Il Movimento 5 Stelle di Cesena, non può che apprezzare e condividere l’operato della Polizia Municipale, che nelle giornate scorse, su segnalazione del MoVimento 5 stelle di Cesena e di singoli cittadini, ha sanzionato il Sindaco per la collocazione (in collaborazione con il Presidente della Provincia) di due cartelli, posizionati al centro delle rotonde incomplete di Ponte Cucco e di Bulgarnò. Cartelli molto politici e poco istituzionali, che servivano ad informare la popolazione riguardo al fatto che le amministrazioni non riescano a completare quelle opere, non per propria responsabilità, ma a causa del patto di Stabilità.

Come stiamo dicendo ripetutamente, nascondere dietro un dito la propria incapacità di pianificazione dei lavori pubblici, arrivando addirittura a lasciarli incompleti, e il fallimento della politica di magnificenza messa in atto, poco si collima con la stridente crisi economica. Incolpare il patto di stabilità di ogni male, ci sembra la scusa di chi non ha scuse. I lavori incompiuti sono uno sfregio al territorio. La nostra città non li merita.

La comunicazione che il Sindaco e la Giunta si faranno carico personalmente della eventuale sanzione verbalizzata dalla Polizia Municipale, non soddisfa molto noi del MoVimento 5 Stelle Cesena che chiediamo che si facciano carico anche del costo dei cartelli, del costo della loro installazione e della rimozione che ci auguriamo avvenga nel più breve tempo possibile, perchè non è possibile far ricadere sulle tasche dei cittadini gli errori amministrativi.

Per i progetti delle due rotonde in questione chiediamo al Sindaco di verificare e comunicare alla cittadinanza la possibilità di rivedere la progettazione ed eventualmente i costo dei lavori rimanenti da eseguire, di trovare i fondi, magari quelli svincolati negli ultimi giorni dal Governo Nazionale, per rendere in qualche modo possibile la loro ultimazione.

Programmazione, confronto, senso di responsabilità queste sono le parole che vogliamo usare da oggi in poi, per far capire a tutti i cittadini che Cesena non ha bisogno di essere stravolta, ma solo di essere migliorata, con le idee.

Movimento 5 stelle Cesena

L’articolo in questione

 

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

La macchina del fango

La campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative è ormai ai nastri di partenza.
Questo, per le forze politiche locali, sembra un affare davvero intricato, con forti preoccupazioni sia dei partiti che sostengono l’attuale Amministrazione sia dei partiti di opposizione, che stanno cercando di trovare la formula giusta per ottenere un buon risultato.
Questo non è il problema del MoVimento 5 Stelle di Cesena, che nonostante quello che possono pensare alcuni organi di stampa locale e qualche SPARTACUS di turno, gode di ottima salute.
La presa di posizione seria e aspra, da parte del MoVimento 5 Stelle Cesena, sui problemi della città è salita proporzionalmente alle difficoltà del Sindaco nell’ottenere il ben che minimo risultato nella miriade di promesse elettorali profuse solo quattro anni fa. Noi ci siamo e ci facciamo sentire.
Dobbiamo anche replicare con forza all’articolo apparso oggi sul Corriere di Cesena, dal quale traspare che all’interno del Movimento 5 stelle di Cesena siano stati già scelti i nominativi per il miglior candidato al ruolo di Sindaco alle prossime amministrative 2014. Mettiamo in conoscenza a tutti che la scelta del candidato Sindaco sarà votata a maggioranza (democrazia diretta) tra tutti gli Attivisti del MoVimento, non prima della stesura del Programma e delle linee guida della campagna elettorale, sradicando quella logica tutta partitica della “nomina dall’alto”, che non ci appartiene.
I nostri portavoce si affidano ad un programma ben preciso e sono le Assemblee Pubbliche, che ogni settimana si riuniscono e lavorano con passione, a dettare la linea politica, non il candidato.
Il nostro attuale Consigliere Comunale, Natascia Guiduzzi, non subisce quindi sudditanze o suggerimenti da nessuno fuorché l’assemblea che rappresenta. Fra i tanti Attivisti che si stanno impegnando a far crescere il MoVimento a Cesena non vi è la minima volontà di arrivismo ma solo la voglia di partecipare.
Siamo impegnati con tanti gruppi di lavoro a raccogliere i problemi del territorio e trovare per questi, una soluzione che tradurremo in un programma chiaro e preciso da presentare alla cittadinanza.
La campagna elettorale ci vedrà, speriamo, in una posizioni di primo piano, per ottenere il risultato migliore possibile e per dare finalmente spazio alle idee e al confronto, quello che negli ultimi anni è sparito dal vocabolario del Sindaco Lucchi, non siamo un partito e non lo saremo mai, non cerchiamo alleanze e correremo con la forza delle nostre idee e con il candidato Sindaco migliore possibile, comunque un cittadino “come tutti noi”.
Ci piacerebbe davvero vedere questo modo nuovo di fare politica anche nei vecchi partiti del nostro territorio. Siamo diversi, ma pronti al confronto costruttivo, mai chiusi in inutili logiche di partito !

Movimento 5 stelle Cesena

Articolo del Corriere Romagna, clicca sull’immagine per ingrandire.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

RACCOLTA FIRME PER L’ABROGAZIONE DEI VITALIZI E DELLE INDENNITA’ DEI CONSIGLIERI REGIONALI DELL’EMILIA ROMAGNA

Dopo la buona affluenza dei w.e. precedenti replichiamo la nostra attività sul territorio e chiediamo un altro impegno ai nostri elettori e un’altra firma per darci modo di compiere quel rinnovamento della politica che professiamo da tempo.
L’Emilia Romagna, sotto la spinta del Movimento 5 Stelle, è stata la prima Regione in Italia ad abolire i vitalizi ai Consiglieri Regionali però, al contrario di quanto avevamo proposto noi, questa abolizione entrerà in vigore solo dalla prossima legislatura e non da quella attuale. Il PD si è opposto all’immediata applicazione, conservando per gli eletti in carica questo privilegio. Questa raccolta firme ha l’obiettivo di abolire il vitalizio ai Consiglieri Regionali dell’Emilia Romagna a partire dalla legislatura in corso, per poter dare un taglio SUBITO agli assegni vitalizi e all’indennità di fine mandato.
Se anche tu credi che sia arrivato il momento di cambiare, partendo proprio dai privilegi dei politici, allora vieni a FIRMARE presso il nostro banchetto di Piazza Almerici (di fianco al Palazzo del Capitano).
Noi saremo presenti :

– sabato 13 aprile 2013 dalle ore 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
– sabato 20 aprile 2013 dalle ore 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00

Invitiamo tutti a PARTECIPARE.

MoVimento 5 Stelle Cesena

Per info: Tel. 347 4510269

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Piazza della Libertà: naufragato il progetto.

 

LA REGIONE EMILIA ROMAGNA NON FINANZIA IL LUSSUOSO PROGETTO DELLA GIUNTA LUCCHI PER PIAZZA DELLA LIBERTÀ – I CITTADINI DI CESENA RISPARMIERANNO 3 MILIONI E 600.000 EURO – ANDATI IN FUMO CIRCA 200.000 EURO PAGATI DA LUCCHI PER IL PROGETTO DI UN’OPERA CHE NON SI FARÀ.

Un altro dei progetti ai quali il sindaco Paolo Lucchi teneva maggiormente è naufragato. Parliamo del rifacimento di Piazza della Libertà, da sempre criticato e contestato da noi del MoVimento 5 Stelle Cesena per la natura faraonica dell’opera, in un periodo di ristrettezze economiche della città.
Il progetto di rifacimento della piazza è stato cassato a causa della mancata erogazione del contributo di 1,5 milioni di euro a carico della Regione Emilia-Romagna e il contributo regionale non arriverà nemmeno in futuro, poiché era condizionato all’esecuzione dei lavori entro il 2013. A questo risparmio della Regione, si aggiunge un ulteriore beneficio per la collettività perchè il comune NON stipulerà nemmeno il mutuo previsto di 1,6 milioni. Per noi è un risultato importante, se non fosse per l’unica nota stonata di questa vicenda: i circa 200.000 euro spesi dal Comune di Cesena per i progetti architettonici, cambiati in corsa per l’impossibilità di realizzare anche il parcheggio interrato (inizialmente commissionato nella prima stesura del progetto). In un periodo in cui si parla di cambiamento e tutti partiti fanno a gara nel tentativo di apparire innovatori, ritorna a galla la solita metodologia all’italiana, che noi abbiamo sempre stigmatizzato, cioè quello che anche il solo “fare progetti” fa “girare l’economia” perchè girano soldi pubblici e nel frattempo qualcuno si arricchisce e i cittadini pagano. Peccato poi manchino sempre i soldi per i servizi primari e prioritari e per chi ha vere difficoltà economiche ad arrivare a fine mese.
Questo diniego dei fondi Regionali è il segnale della fine di una visione di magnificenza, messa in campo dal Sindaco Lucchi, naufragata nella reale crisi economica di cittadini e istituzioni, che stringe e sembra non volerci mollare e che non ha certo bisogno di una MANIFESTAZIONE NAZIONALE SULLA POVERTA’ organizzata da chi, partiti e sindacati che in tutti questi anni hanno avuto pesanti responsabilità per la situazione attuale in cui versa il paese.
La cosa che ci rattrista è constatare che gli allarmi da noi lanciati sulla crisi e sull’inutilità di un progetto così faraonico fossero fino ad ora caduti inascoltati. La giunta Lucchi, poco consapevole della crisi che ha colpito la società italiana e che si sta facendo sentire anche nella nostra Cesena, è stata messa davanti all’ennesimo fallimento del proprio modo di governare la città.
Pensiamo che per il Sindaco Lucchi sia arrivato il momento di tirare le somme dei fallimenti e delle incapacità gestionali che lo hanno messo sempre più in affanno anche sulle scelte del Centro Storico che necessita, ora più che mai, di scelte concrete e immediate, soprattutto per quel che riguarda il tessuto commerciale, penalizzato da anni di scarsa attenzione e di provvedimenti confusi.
Siamo sempre in MoVimento.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Tares:mozione M5S al Senato per abolirla e passare alla tariffa puntuale: più ricicli meno paghi

Domani al Senato, il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle, interverrà nel dibattito sulla Tares presentando una mozione che chiederà l’abolizione di questa imposta e l’adozione per ogni ente della Tariffa puntuale . “Con l’abolizione della Tares e l’adozione della tariffa puntuale -spiega il cittadino al Senato Francesco Molinari membro della Commissione speciale che ha analizzato il provvedimento – si introdurrebbe il principio virtuoso che chi più ricicla meno paga. Questo già avviene nei tantissimi Comuni che hanno adottato il sistema di raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale, arrivando a riduzione dei rifiuti, percentuali di differenziata superiori al 70% avviando percorsi verso Rifiuti Zero, con vantaggi economici per gli utenti e le imprese”. “La tariffa puntuale, al contrario della Tares, responsabilizza ogni cittadino e impresa” spiega il rappresentante del Movimento 5 Stelle.

“La Tares – continua Molinari – è di fatto le negazione della tariffa puntuale, punisce tutti i cittadini, le imprese ed i Comuni virtuosi dal punto di vista ecologico e dell’innovazione. Da qui la nostra richiesta di abolizione per andare verso un sistema innovativo al passo con il resto d’Europa”.

“La mozione chiede inoltre di attivare un percorso di aiuto agli Enti per arrivare alla tariffa puntuale e nel frattempo mantenere il sistema della Tia e Tarsu”. “Il Movimento 5 Stelle – conclude Molinari – in attesa dell’abolizione della Tares per passare alla tariffa puntuale, proposta sulla quale ci aspettiamo consensi e responsabilità da parte chi ha a cuore innovazione, ambiente, efficienza, sosterrà iniziative parlamentari che permettano ai cittadini e le imprese di non pagare questa imposta in queste settimane”.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)