Archivi categoria: M5S

M5S – IL CASO DIONIGI SCUOTE IL PALAZZO

Un sindaco che per spiegare la situazione irrimediabile di un suo assessore, suo protetto, che non si permette neanche di starnutire se “il capo” non vuole, si rifugia in affanno in calcio d’angolo citando l’odierna situazione di Roma per sorvolare colpevolmente sulle malefatte amministrative della giunta da lui guidata, non è degno di credibilità. Una risposta scomposta che fa trasparire il nervosismo dato dal contesto attuale.
Stia “sul pezzo”; parli e decida del suo assessore in palese conflitto di interessi reso evidente e pesantemente inopportuno – e forse anche illecito – dagli atti e documenti portati alla luce dalle opposizioni.
Allora e solo allora il dialogo sarà reale; quel dialogo che anche in Regione si sono accorti che non c’è e che non ci può essere perché necessiterebbe di massima trasparenza e rispetto delle regole, che Lucchi e il sistema di potere che dirige, non ha.
Le dimissioni immediate di Dionigi sono la condizione indispensabile per far riaprire la partecipazione in Consiglio Comunale. Senza le dimissioni il dialogo con noi è escluso; nessuna apertura a Lucchi può essere presa in considerazione (e forse Andrea Bertani lo aveva capito prima di noi). Non saranno certo le finte concessioni su un nuovo ospedale che solo Lucchi immagina o il ritiro di misere delibere su varianti urbanistiche per aree territoriali che solo Lucchi ha deciso, a farci desistere; non è da adesso che denunciamo questo stato di cose.
Lucchi e i suoi accoliti si prenderanno tutta la responsabilità degli atti che andranno a deliberare di qui alla fine dell’anno e oltre, se questo comportamento autoritario, arrogante e antidemocratico dovesse continuare.
E non si preoccupi il sindaco dell’informazione che hanno i cittadini sulla nostra protesta: è molto più esauriente e partecipata delle sue “riunioni” sul suo nuovo ospedale nelle sedi periferiche del PD (e solo poche nelle sedi di quartiere), costantemente snobbate dai cittadini residenti e di conseguenza anche da noi.
Il confronto democratico, quello vero e utile, si fa con la città ma poi le decisioni si prendono in consiglio comunale, scelte partecipate dalle minoranze che con queste decisioni unilaterali, Lucchi è disposto anche a sfasciare pur di tenersi stretto colpevolmente il suo pupillo-assessore.
p.s.
Un ringraziamento sincero ad Andrea Bertani per la disponibilità, l’attenzione che riserva alla nostra Cesena e la competenza che dimostra.

Schermata 2016-12-18 alle 15.31.55

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

I motivi del NO – Cena referendaria con L. Di Maio e G. Sarti – Domenica 20 Novembre

 

L’iniziativa è in programma domenica 20 novembre alle ore 19,00

 

0001

Il Movimento 5 Stelle di Cesena organizza un incontro pubblico sul referendum sulla riforma costituzionale del governo Renzi; una serata informativa sui motivi del NO con i parlamentari del M5S Luigi Di Maio (vicepresidente della Camera dei Deputati) e Giulia Sarti.

L’iniziativa è in programma domenica 20 novembre alle ore 19,00 nella sala del Ristorante Rugantino a Cesena. Interverranno i Consiglieri Comunali del M5S a Cesena e i Consiglieri Regionali.
A seguire cena conviviale.

Per informazioni e prenotazioni cena:
E-mail: spadaccini.mathias@gmail.com
Te. 334 200 63 33

Prenotazione obbligatoria.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

ASSEMBLEA PUBBLICA MOVIMENTO 5 STELLE CESENA

immagine-riunione

 

 

Martedì alle ore 21 si terrà l’assemblea pubblica nella Sala Polivalente di Via Mura F. Comandini.

Per chi ancora non l’avesse capito….parliamo di ciò che poi arriva in Consiglio Comunale e si trasforma in decisioni che coinvolgono TUTTI !! Discutiamo della “Cesena che vorremmo” e presentiamo idee e proposte per la città. 


Serve ancora aggiungere che DA NOI si interviene, si discute e quindi si portano avanti le istanze dei cittadini senza l’intervento di


Vi aspettiamo.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

CIAO DARIO FO

Dario Fo 2

 

Apprendiamo con profondo dolore la notizia della scomparsa del Maestro, Premio Nobel della Letteratura, Dario Fo.

A nome del Meetup di Cesena S’ingrilla e di tutto il Gruppo Consigliare del Movimento 5 Stelle, nel ricordo di una persona che ha contribuito a sostenere una delle più importanti novità della scena politica italiana, ci uniamo al dolore della famiglia, degli amici e di quanti hanno saputo apprezzare le straordinarie doti umane ed intellettive.

Il Meetup Cesena S’Ingrilla e il Movimento 5 Stelle di Cesena confida che quanto di buono è stato da lui seminato, generi libertà e desiderio di collaborazione con quanti vogliono dare un nuovo volto alla politica e alla cultura del nostro paese.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

l M5S del comprensorio Forlì-Cesena boccia il piano di riassetto della rete ospedaliera romagnola.

RER14

 

 

 

l M5S del comprensorio Forlì-Cesena boccia il piano di riassetto della rete ospedaliera romagnola

La riorganizzazione dell’Asl unica romagnola ha portato effettivi risparmi sul piano economico? Nella programmazione messa in atto s’è tenuto conto della peculiarità della popolazione della provincia di Forlì-Cesena? I servizi garantiti ai cittadini sono migliorati? In mancanza di risposte positive i consiglieri M5S del comprensorio Forlì-Cesena si dichiarano “totalmente in disaccordo” con l’impostazione organizzativa del documento di riassetto della rete ospedaliera romagnola e con le affermazioni esposte durante la serata del 3 ottobre nel salone comunale di Forlì dal Direttore Generale dell’ASL Romagna, Marcello Tonini, lamentando “la mancanza di una razionalità pratica e comprensibile del Piano di riordino”, l’inquietante soppressione di primariati e la chiusura di reparti importanti, e mettendo in luce, semmai, l’intenzione di favorire la privatizzazione del servizio sanitario.

Il gruppo consigliare M5S sottolinea la mancanza di miglioramento dei servizi che fanno capo agli ospedali; le liste d’attesa sono ancora chilometriche anche per le prestazioni più urgenti e i pronto soccorso presentano i disagi di sempre che determinano attese di ore anche per le prestazioni più urgenti; l’informatizzazione è ancora al palo; e sono passati praticamente 3 anni dalla costituzione dell’ASL unica. Manca nella programmazione una seria politica del personale, e le 600 assunzioni riportate come un mantra sono in realtà carenze di organico e pensionamenti; non c’è nessuna organicità nell’acquisizione di tecnologia che viene lasciata alle scelte centralizzate della Regione; nessun impegno per apertura a scuole di specializzazione delle varie figure professionali che consentano la futura formazione di professionisti qualificati.
Si sottolinea inoltre, l’inutile creazione di dipartimenti unici e/o trasversali considerati “privi di qualsiasi valore pratico dal punto di vista organizzativo e penalizzanti dal punto di vista gestionale. I consiglieri puntano il dito anche verso l’incomprensibile mosaico di spostamenti di primariati (a scavalco) quanto meno irrazionale dal punto di vista organizzativo e ingiustificabile dal lato scientifico e la soppressione di primariati importanti (3 a Forlì e ben 8 a Cesena) e radicati nel territorio per la loro valenza scientifica e innovativa (perché il primario-direttore non è solo un’etichetta) e di contro la creazione dal nulla di unità operative inesistenti per legge (Medicina Vascolare a Ravenna)”.

Altro punto dolente i lavori previsti al pronto soccorso di Forlì che “altro non sono che un contentino per la prossima chiusura dei posti letto di malattie infettive, a fronte di 1600 pazienti seguiti, che sarà presto seguita da nefrologia. E sono gli stessi operatori ospedalieri del pronto soccorso a lamentare lo spreco di denaro pubblico a fronte di lavori inutili. A noi sembra che l’andamento di questa “riorganizzazione” punti in realtà a spalancare le porte ad una privatizzazione del servizio sanitario e magari ci troveremo presto a dover usare la “carta fedeltà” di una cooperativa o di un discount per avere sconti nelle cliniche private”.

E ancora “Sulle case della salute – affermano- non è sbagliato dire che sono strutture sulle quali viene costruita una aspettativa di efficienza, da parte degli utenti, che mai potrà essere soddisfatta, e che vengono reclamizzate come una panacea, quando invece rappresentano l’evidente segnale di un arretramento del sistema sanitario nazionale di fronte alle esigenze dei cittadini. Soprattutto, come nel caso di Forlimpopoli, quando vengono erette a sostituzione di presidi già esistenti e funzionanti, con il solo obiettivo di tagliare sul bilancio”.

Anche i gruppi del M5S di Savignano e Cesenatico si uniscono alla stroncatura del documento ricordando che “che Tonini, quando pochi giorni fa ha incontrato anche i consigli comunali dei comuni dell’Unione Rubicone, ha perso un’occasione per discutere le criticità dei servizi sanitari territoriali; l’incontro è stato un nulla di fatto con i sindaci che hanno assistito da spettatori, senza fornire opportune osservazioni. È toccato al M5S chiedere le motivazioni del ridimensionamento del Marconi di Cesenatico a casa della salute, nonchè esprimere la necessità che il punto di primo soccorso debba essere potenziato, almeno nel periodo estivo, in un pronto soccorso di riferimento per la costa da Cervia a Bellaria; sono state poi chieste spiegazioni sull’attività della Casa della Salute S.Colomba di Savignano, dove è stato confermato l’ambulatorio di osservazione e terapia, che fa registrare una progressiva diminuzione degli accessi a parità di costi con evidente riduzione della qualità del servizio. Per non parlare poi dell’ospedale di comunità con soli 9 posti su una popolazione di riferimento di 35.000 abitanti”.

Le proposte dei pentastellati non sono state prese in considerazione per la formulazione del documento di riordino dell’ASL unica, a vantaggio – lamenta il M5S – di “non meglio specificate esigenze, spesso in realtà molto particolari, se non ad personam, a dimostrazione della incapacità manageriale della dirigenza sanitaria attuale e della sua inesistente credibilità.”
Per tutte queste considerazioni ed altre che concorrono a creare pessimismo, in conclusione, il M5S del comprensorio di Forlì-Cesena ritiene che il documento sia: “da rigettare in toto e da sostituire con un vero piano riorganizzativo delle strutture ospedaliere che storicamente si sono sviluppate a seconda dei bisogni delle comunità locali e non possono perdere questa prerogativa, tenendo conto realmente delle necessità dei 4 territori e della popolazione ivi residente”.

M5S Cesena
M5S Cesenatico
M5S Forlì
M5S Forlimpopoli
M5S Gatteo
M5S San Mauro Pascoli
M5S Savignano sul Rubicone

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

NON SI ROTTAMA LA COSTITUZIONE – BANCHETTO INFORMATIVO

Unknown

Le ragioni del no a questa riforma firmata Renzi, Verdini, Boschi sono evidenti, come evidenti sono le complicazioni che ne deriveranno.

I costituzionalisti sono unanimi nel giudicare lo scempio che si vuole perpetrare sulla nostra Costituzione, scritta con cognizione di causa e lungimiranza dai nostri Padri Costituenti.

Questa riforma non elimina il Senato ma soltanto la possibilità di eleggerlo, non elimina il bicameralismo ma lo complica facendo nascere 10 tipi diversi di approvazione di una legge , non abbatte i costi della politica dal momento che la Ragioneria di Stato ha ridimensionato il presunto risparmio in soli 50 milioni di euro circa, e tante altre critiche sono arrivate direttamente dagli studiosi di diritto costituzionale che fanno di questa riforma uno scempio da fermare assolutamente.

Vi aspettiamo numerosi al banchetto del 1 ottobre alle ore 09.30, altre iniziative ed eventi seguiranno nelle prossime settimane fino alla data del referendum, per chi volesse partecipare tutti i Martedi alla 21.00 vi aspettiamo in Via Mura Federico Comandini 22, Cesena, FC

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

M5S – PULIAMO CESENA

Puliamo cesena

puliAMO Cesena.

Un gruppetto di cittadini armati di pinze e sacchetti ha preso parte al primo appuntamento di questa iniziativa di impegno civico svolta presso i giardini di Serravalle.
Un iniziativa propositiva che vorremmo fosse solo la prima di una lunga serie e alla quale ci piacerebbe vedere sempre più cittadini partecipare.
La manutenzione dell’ambiente in cui viviamo parte soprattutto dall’educazione e dalla sensibilità che le persone che lo frequentano hanno nella gestione dei rifiuti.
Nel parco in questione abbiamo raccolto centinaia di mozziconi di sigaretta, soprattutto attorno alle panchine; e poi cartacce, chewingum, pezzi di vetro, catene da bicicletta tagliate e finanche un sellino di bicicletta abbandonato.
Le persone che hanno partecipato si sono divertite ed hanno fatto una bella esperienza, che condivideranno con i loro amici che speriamo di poter vedere ai prossimi incontri.
I bambini che hanno partecipato hanno un idea diversa della cura dell’ambiente rispetto a ieri.
Grazie a chi si ha partecipato, passando una mattinata gradevole e formativa.

 

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

25.000 EURO PER LA TUA IMPRESA – MICROCREDITO 5 STELLE: PRENDITI LA TUA PARTE

Vuoi avviare un’attività? Adesso c’è il microcredito5stelle: un prestito che puoi ottenere subito, grazie al fondo creato dai parlamentari 5 stelle con il taglio del loro stipendio. Che ora torna ai cittadini.

COME FUNZIONA

CHI PUÒ ACCEDERE AL FONDO?

Tutte le persone che vogliano intraprendere una nuova attività imprenditoriale o che abbiano un’impresa da meno di 5 anni.

CHE TIPO DI IMPRESE?

Microimprese fino a 5 dipendenti, società a responsabilità limitata semplificata e cooperative fino a 10 dipendenti, lavoratori autonomi e società di professionisti.

QUALI IDEE SONO FINANZIABILI? QUANTO SI PUÒ OTTENERE?

Sono tanti i casi che meritano un sostegno. Il tetto finanziabile è 25mila euro – in alcuni casi è possibile arrivare a 35mila euro – per aziende esistenti o idee imprenditoriali legate all’agricoltura, all’artigianato, al commercio, ai servizi e a tutte le start up innovative.

COME ACCEDERE AL FONDO?

E’ semplice. Basta recarsi presso lo sportello dei Consulenti del lavoro nella tua provincia con un piano imprenditoriale e un’idea sostenibile: i consulenti ti diranno cosa fare. Se la tua impresa già esiste, porta con te una visura camerale, l’atto costitutivo, lo statuto e gli ultimi bilanci. Non servono garanzie reali, è sufficiente non essere iscritti negli elenchi dei cattivi pagatori. Trova lo sportello più vicino!

> SCARICA L’INDIRIZZARIO DEI CONSULENTI DEL LAVORO E SCOPRI QUELLO PIÙ VICINO

IN TOUR PER LE PMI

Ti interessa essere informato sui temi centrali per le imprese e le start up? Ti diamo appuntamento con parlamentari, eurodeputati, consiglieri regionali e comunali per parlare insieme di burocrazia e fiscalità, di come ottenere i fondi europei, di innovazione d’impresa, made in Italy, giustizia per le imprese. Una serie di incontri per rispondere a tutte le tue domande sui temi che più interessano alle PMI.

> Controlla il calendario e trova l’appuntamento più vicino a te (il calendario è in continuo aggiornamento).

TI INTERESSA?

Sarà possibile accedere al microcredito a partire dal 5 marzo. Per restare informato su tutti gli eventuali aggiornamenti o cambiamenti, iscriviti alla mailing list sul sito ufficiale.

> Visita il sito

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)