La questione morale

Video realizzato da TAM TAM STUDIO – Cesena

Non si parla più da tempo di questione morale eppure è implicitamente al centro delle notizie di cronaca quotidiana.

Fu Enrico Berlinguer a porre all’attenzione sul problema nei primissimi anni ’80 in anticipo di oltre dieci anni da ciò che avrebbe fatto terminare la prima repubblica proprio a causa del ciclone mani pulite che scoperchiò una situazione di degrado morale della politica degenerata in corruzione diffusa.

Egli sosteneva che il progressivo allontanamento della cittadinanza dalla politica era da porre in stretto legame con la modalità di gestione della cosa pubblica che i partiti stavano ormai attuando da molto tempo, in una deriva che aveva trasformato gli organi di rappresentanza dei cittadini in meri comitati d’affari. Continua la lettura di La questione morale

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Il problema immigrazione e la demagogia pre-elettorale

a cura di Gianluca Amadio

Vorrei fare una dettagliata analisi del problema immigrazione, in risposta al comunicato fatto dalla capolista della Lega Nord Cesena, Sig.ra Antonella Celletti, l’8 maggio scorso su Romagna Oggi. Lo potete trovare qui:

http://www.romagnaoggi.it/cesena/2009/5/8/123430/

Andiamo per ordine. Il decreto sicurezza è un provvedimento che nulla a che fare con l’identità e i diritti dei cittadini italiani, i quali non perdono assolutamente nulla e nulla guadagnano da un provvedimento che è di per sé vergognoso e di nessuna utilità salvo quella della becera propaganda a fini elettorali.

Ad esempio, per sottrarsi al pericolo di denuncia da parte dell’ufficiale di stato civile, la madre straniera priva del permesso di soggiorno potrebbe evitare di registrare la nascita del figlio o di perfezionare il procedimento di riconoscimento dello stesso (il permesso di soggiorno per gravidanza è rilasciato alla madre, in virtù di quanto previsto dal TU immigrazione, solo se munita di passaporto o documento equipollente, ipotesi che spesso non si verifica). A causa del mancato riconoscimento, potrebbero aprirsi procedure di adottabilità di questi minori, con conseguenze anche gravi, sul diritto del minore, universalmente riconosciuto, a vivere e crescere insieme alla propria famiglia. Concepire una norma con simili possibili risvolti tradisce una natura violenta e incivile e solo chi non ha il rispetto della vita umana può pensare di proporre un provvedimento simile.

Secondo punto, nell’articolo sopra citato si mette in relazione la mancanza di sicurezza e lo scarseggiare dei servizi offerti ai cittadini con una immigrazione che si definisce incontrollata, ma non è certo colpa degli immigrati se, tagliando progressivamente le risorse ai comuni, vengono a mancare i servizi erogati ai cittadini; al contrario, l’accusa dovrebbe essere rivolta al governo attuale e alla sua maggioranza, compresa la Lega.

Sul piano della sicurezza, io trovo che gran parte del problema sia riconducibile alla lentezza della Giustizia e alla mancanza della certezza della pena, di nuovo si dovrebbe interrogare l’attuale maggioranza di governo sul perché in Italia si cerca di rendere i processi lunghi fino a farli finire in prescrizione piuttosto che celebrarli in tempi brevi e consentire che vengano emesse le sentenze ed erogate le eventuali pene.

Terzo, vorrei sapere dove si annida la colpa in chi ha una natalità superiore a quella dei cittadini italiani, se gli italiani fanno meno figli degli immigrati è forse colpa degli immigrati?

Quarto e ultimo punto, se la nostra società sta diventando multietnica non è di per sé una catastrofe, è semplicemente un fenomeno che va regolato e gestito al meglio con Leggi che garantiscano integrazione nel rispetto delle persone ma nel contempo sappiano individuare e punire i delinquenti a prescindere dalla nazionalità o dal credo religioso.

E’ puramente demagogico affermare che si possono chiudere le frontiere in un paese come quello italiano che ha migliaia di chilometri di coste e chi lo afferma, se ha un minimo di onestà intellettuale, sa di dire il falso, per cui è assolutamente di primaria importanza operare per una integrazione che sia garante dei diritti ma anche dei doveri di tutti, siano essi cittadini italiani o stranieri.

Aggiungo inoltre che se non avessimo l’apporto degli immigrati interi settori produttivi sarebbero paralizzati, parlo di lavori pesanti o pericolosi per svolgere i quali pochi cittadini italiani sono ormai disponibili, anche la tutela di gran parte degli anziani è demandata alle cure delle cosiddette “badanti” senza le quali molti dei nostri cari rimarrebbero abbandonati a se stessi o relegati in squallidi ricoveri.

Gianluca Amadio (candidato consigliere Cesena 5 Stelle)

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Romagnaoggi.it intervista Natascia Guiduzzi

Cesena, elezioni. Guiduzzi: “Non si parla più di questione morale…”

CESENA – “Non si parla più da tempo di questione morale eppure è implicitamente al centro delle notizie di cronaca quotidiane. Fu Enrico Berlinguer a porre all’attenzione sul problema nei primissimi anni ’80 in anticipo di oltre dieci anni da ciò che avrebbe fatto terminare la prima repubblica proprio a causa del ciclone mani pulite che scoperchiò una situazione di degrado morale della politica degenerata in corruzione diffusa”.

Sono le prime parole di Natascia Guiduzzi, candidata sindaco per la Lista Civica Cesena 5 Stelle.

“La necessità sottolineata dall’allora segretario del PCI – dice Guiduzzi – rappresentava un grido di allarme che la politica era ancora in grado di lanciare su se stessa quale monito per preservare l’intero paese da ciò che invece purtroppo sarebbe accaduto negli anni successivi. Secondo Berlinguer, il progressivo allontanamento della cittadinanza dalla politica era da porre in stretto legame con la modalità di gestione della cosa pubblica che i partiti stavano ormai attuando da molto tempo in una deriva che aveva trasformato gli organi di rappresentanza dei cittadini in meri comitati d’affari”.

“Ciò che allora era la denuncia del punto centrale che affliggeva la nostra politica, si rivela purtroppo di drammatica attualità in quanto la situazione è ora cronicizzata avendo trasformato questo mal costume in un fenomeno ormai diffuso e supinamente accettato da tutti. Con l’avvento della seconda repubblica ci siamo forse illusi che con personaggi di “assoluta moralità” come l’attuale Presidente del Consiglio dei Ministri, che non dobbiamo dimenticare è l’uomo che Bettino Craxi favorì più di ogni altro, il problema “questione morale” non fosse più un’emergenza, in realtà semplicemente non se ne parla più ma rimane una delle questioni spinose che necessitano di una soluzione”.

“Senza affrontare questo nodo – continua Natascia Guiduzzi – non si potrà in nessun modo pensare di avere un percorso virtuoso che possa dare slancio all’economia da un lato, e recuperare la fiducia della gente con un progressivo riavvicinamento alla politica dall’altro. In ambito locale, i risvolti sono altrettanto preoccupanti perché ci troviamo di fronte ad un sistema totalmente ingessato che non è più capace di un ricambio che sia la linfa per un reale rinnovamento e questo conduce inevitabilmente al potere che tende ad alimentare e preservare se stesso in una pericolosa deriva democratica”.

“La proposta della Lista Civica CESENA 5 STELLE per un recupero di credibilità e fiducia nell’amministrazione pubblica – conclude – è l’adozione di democrazia a diretta partecipazione della cittadinanza con l’introduzione di strumenti che consentano un dibattito aperto fino alla consultazione referendaria comunale per l’assunzione di decisioni importanti che riguardano la collettività. A tal proposito vanno citate, dopo le positive esperienze svizzere, americane e tedesche, quelle italiane a Vicenza (sulla base militare Dal Molin) e quelle promosse in Trentino Alto Adige che vedranno nel 2009 vari referendum a Bolzano e Rovereto”.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Il MIZ intervista Natascia Guiduzzi

Questa è l’intervista a Natascia Guiduzzi, candidata sindaco alle amministrative di Cesena 2009, realizzata dal MIZ (Movimento Impatto Zero). Il MIZ ha avviato una serie di video interviste ai candidati sindaci , giusto per tastare il polso alle forze politiche in campo, e allo scopo di tenere informati i cittadini che andranno a votare.

“Natascia Guiduzzi ha 38 anni, nata e cresciuta a Cesena, sposata da 12 anni senza figli. Diplomata in ragioneria, è attualmente impiegata come dipendente presso una grande azienda di Cesena che trasforma e commercializza prodotti ortofrutticoli. Senza alcun precedente impegno in politica, inizia a militare nel 2007 presso il Meetup Cesena s’Ingrilla, come”organizer” del gruppo cesenate dei simpatizzanti di Beppe Grillo. Oggi ha raccolto l’invito dello showman genovese candidandosi come sindaco per la lista civica indipendente “Cesena a cinque stelle“. Possiede un profilo su facebook. Non possiede alcun blog personale.”

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Presentata in comune la Lista Civica Cesena 5 stelle

PRESENTATA UFFICIALMENTE IN COMUNE LA LISTA CIVICA CESENA 5 STELLE

Il “Meetup Cesena S’Ingrilla – Amici di Beppe Grillo a Cesena” in questi mesi si era fatto interprete della richiesta di un numero crescente di cittadini interessati ad avere uno strumento politico che li rappresentasse in maniera innovativa rispetto all’attuale sistema di gestione della cosa pubblica. Era così partito il progetto LISTA CIVICA CESENA 5 STELLE che ha come base la  democrazia partecipativa la quale favorisce l’interazione attiva del cittadino nella politica della propria amministrazione tutelando il bene comune senza alcun conflitto di interessi.

Stamane alle ore 10 sono state consegnate presso la segreteria del comune ben 280 firme di cittadini a sottoscrizione della LISTA CIVICA CESENA 5 STELLE e tutti i documenti richiesti.

E’ questa la degna conclusione di mesi di impegno per presentare a Cesena una lista che rappresenti i cittadini al di fuori della logica dei partiti.

I nostri candidati e l’aspirante Sindaco Natascia Guiduzzi, hanno dovuto superare lo scoglio imposto da Beppe Grillo per potersi candidare alle amministrative con una sua lista certificata: residenza sul territorio, totale assenza di condanne penali anche di primo grado, nessuna iscrizione a partiti o gruppi politici, l’impegno a rimettere il mandato in caso di condanna anche di primo grado, l’impegno di non ricoprire più di 2 mandati.

Domani sabato 9 maggio i rappresentanti della Lista Civica saranno in giro per la città a registrare uno spot elettorale da presentare alle varie emittenti televisive e da distribuire ai cittadini che andranno a trovarli presso i punti informativi sparsi per la città.

Natascia Guiduzzi

Lista Civica Cesena 5 stelle

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Cesena 5 Stelle e la moschea a Cesena

La lista civica Cesena 5 Stelle, in risposta alla diatriba che si è tenuta nelle settimane scorse sui quotidiani locali, in riferimento alla Moschea a Cesena, desidera comunicare la propria posizione in merito.

Noi ci poniamo in modo semplice e pragmatico di fronte a questo tema in quanto ci rifacciamo ai dettami della Costituzione della Repubblica Italiana che all’art. 8 recita testualmente “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze”, in questo articolo la nostra Costituzione esprime con chiarezza il concetto che, un credo religioso ha diritto di esprimersi a patto che non vada in contrasto con le leggi del nostro stato.

Dal nostro punto di vista ciò ha valore non solo per l’Islam ma per qualsiasi altro credo religioso.

Noi non intendiamo cavalcare demagogicamente gli istinti della cittadinanza proponendo soluzioni che siano di fatto emarginazione e rifiuto di una parte della popolazione rea di non essere in possesso della cittadinanza italiana e siamo convinti del fatto che solo attraverso un processo di integrazione vero, si possa riuscire a conquistare una convivenza civile e positiva per tutti.

Facendo un ragionamento di più ampio respiro sull’immigrazione e sull’integrazione degli stranieri, noi crediamo che essi rappresentino, non un problema ma bensì una possibile risorsa, a patto che riusciamo ad offrire loro una condizione dignitosa, ma nel contempo rendiamo chiaro che il nostro ordinamento ha regole certe.

Qui si aprirebbe una lunga discussione sulla giustizia che dovrebbe essere erogata in tempi brevi e garantire la certezza della pena come presupposto per una immagine di paese solido che offre si opportunità ma è anche in grado di perseguire chi delinque.

Per la lista civica Cesena 5 Stelle non ci sono differenze di dignità e/o opportunità fra le persone, l’unico discrimine è rappresentato dall’onestà e poco importa se chi delinque è albanese, romeno, cinese o italiano, ciò che importa è che la giustizia possa fare celermente il suo corso garantendo all’intera comunità sicurezza.

Partendo dal presupposto che è pura demagogia e populismo affermare che è possibile impedire l’afflusso degli extracomunitari nel nostro paese, ribadiamo la convinzione secondo la quale l’integrazione e l’accoglienza sono il solo metodo per una convivenza civile utile a tutti. Pertanto non si tratta di falso buonismo, del resto se provassimo ad immaginare come sarebbe la nostra realtà se di punto in bianco tutti gli extracomunitari non ci fossero più, ci troveremmo con interi settori produttivi paralizzati e anche la tutela dei nostri anziani sarebbe improvvisamente senza nessun tipo di supporto.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Spegni lo spreco… accendi lo sviluppo

Basta fare un giro per il mondo “povero” per scoprire che le tecnologie semplici ed efficaci sono già applicate nei Paesi in cui lo scarso accesso ai combustibili fossili o la carenza di infrastrutture rende difficile «conservare alimenti, costruire, cucinare, illuminare, pompare acqua, potabilizzare acqua, produrre energia elettrica, produrre gas, produrre macchinari semplici, purificare l’aria, trattare rifiuti».

Proprio in questi settori la campagna “Spegni lo spreco…accendi lo sviluppo” (promossa dalle associazioni italiane CO.P.E., Energetica, Oltreilconfine, Tamburi di pace) sta creando una banca dati di esperienze sostenibili già sperimentate in giro per il mondo, per promuovere la collaborazione e lo scambio di buone pratiche fra organizzazioni del Nord e del Sud del mondo. Chiunque può segnalare esempi al sito della campagna.

Continua la lettura di Spegni lo spreco… accendi lo sviluppo

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Raccolta Firme per Cesena 5 Stelle

“Il giorno delle elezioni amministrative si avvicina sempre di più. Vogliamo invitare i cittadini interessati a contribuire al nostro progetto per un nuovo rinascimento a Cesena a presentarsi sabato 2 maggio presso il nostro punto informativo. La Lista Civica Cesena 5 Stelle raccoglierà le firme per presentare la propria candidatura e proseguirà la raccolta fondi per il finanziamento della campagna elettorale.”

Natascia Guiduzzi (candidato sindaco Lista Civica Cesena 5 Stelle)

Il banchetto per la raccolta firme, per convalidare ufficialmente la Lista Civica Cesena 5 Stelle, sarà presente Sabato 9 Maggio in Piazza Almerici il pomeriggio (ore 15.00 – 18.00).

Chiunque volesse aiutarci o partecipare attivamente con noi, si può recare al banchetto negli orari suddetti, con un documento d’identità per autenticare la propria firma.

Ricordiamo che chi firma per un partito o lista civica NON VOTA ma esprime un consenso. Al momento delle elezioni il voto è libero e personale.

Molto importante: non si può firmare per due o più rappresentanze politiche; le firme sarebbero entrambe annullate.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Marco Travaglio e Piero Ricca a Cesena

Travaglio-Ricca due metodi un unico obiettivo: cittadino attivo.

Marco Travaglio giornalista e scrittore, “allievo” di Indro Montanelli, archivista e documentista. Nel momento in cui Travaglio dà un’informazione vi sono i documenti che provano la veridicità delle sue rivelazioni tal volta sconvolgenti. Ogni sua parola è supportata dai fatti.

Piero Ricca free-lance, è l’esempio vivente di cittadinanza attiva che svolge intervistando personaggi della politica italiana, senza alcun timore. La sua arma è una conoscenza profonda del personaggio che si trova di fronte, arma che gli consente di affrontare i politici con cognizione di tutte le loro vicende attuali e passate.

Ogni ostacolo che viene interposto al loro impegno civile viene superato con coraggio e dignità, querele comprese.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Loro non molleranno mai… noi neppure!